Membro del gruppo Turama

Storia e Cultura

Discendenza polinesiana

Migliaia di anni fa, i nostri antenati polinesiani si fecero strada attraverso il Pacifico in navi da pesca. Questi famosi navigatori hanno usato le stelle per guidare la loro strada verso le Samoa e le altre isole del Pacifico. Il sito archeologico più antico delle Samoa risale al 1000 a.C. e consiste in piramidi e tumuli in pietra disposti a forma di stella. Nel corso dei millenni, il popolo samoano si è impegnato in molte attività tra le isole come commercio, battaglie e matrimoni misti. Il matrimonio era il mezzo più comune per rafforzare i legami con le isole vicine - come le Figi e le Tonga - ed era anche usato per aiutare a formare alleanze con altre famiglie nobili per promuovere la prosperità economica. 

Influenze europee

L'olandese Jacob Roggeveen fu il primo europeo ad avvistare le isole Samoa nel 1722. Fu seguito poco dopo da Louis-Antoine de Boungainville, che nel 1768 chiamò le isole "Navigator Islands". Altri europei iniziarono ad arrivare alle Samoa alla fine del 1700. Durante questo periodo, i visitatori erano perlopiù balenieri e commercianti. Nel 1830, il reverendo John Williams arrivò sull'isola di Savai'i con il vangelo Cristiano convertendo i samoani dalla credenza in molte divinità alla fede in un unico Dio. Diversi monumenti sono stai eretti ad Upolu e Savai'i in onore del lavoro missionario svolto dal Reverendo Williams. Oggigiorno, Fa'a Samoa (la tradizione samoana) e Cristianesimo sono inestricabilmente legati. I visitatori noteranno che le isole si fermano di domenica. Gli abitanti del posto cessano il lavoro fisico e lavorano per assistere ai servizi ecclesiastici e ad altre attività correlate.

Vita contemporanea

Dopo anni di guerra civile, nel 1899 l'arcipelago fu diviso tra gli Stati Uniti e la Germania. Le isole ad est divennero territorio degli Stati Uniti d'America, conosciute come Samoa Americane. Le isole ad ovest vennero lasciate alla Germania e divennero note come Samoa Occidentali. Dopo la fine della prima guerra mondiale, Le Samoa Occidentali furono sottratte ai tedeschi e rilasciate alla Nuova Zelanda nel 1918. Il controllo amministrativo fu imposto dalle Nazioni Unite dal 1918 fino a quando le Samoa Occidentali non divennero indipendenti il 1 Gennaio 1962: la prima nazione del Pacifico ad ottenere l'indipendenza. Questa importante occasione viene celebrata ogni anno a giugno con una serie di eventi e festeggiamenti degni di nota. La denominazione "Occidentali" è stata ufficialmente abbandonata nel 1997.